nick2nick

eBooks by nick2nick: attualità, politica, criminalità

416 risposte in questa discussione

eBooks by nick2nick

attualità, politica, criminalità

[tech-info][/tech-info]

Gli avvisi riguardanti tutti gli articoli che seguono compariranno in questo primo post.

Visualizzazione

Per visualizzare questo catalogo partendo dai post più recenti: in fondo a questa pagina, al centro, c'è:

"Ordina per" (Ora di invio) (Crescente) "Vai"

basta cambiare (Crescente) in (Decrescente), poi clic su "Vai".

Ricerche

Purtroppo il motore di ricerca interno di route34hacks limita il suo campo d'azione al primo post, ma c'è un trucco per trovare subito la pagina giusta in queste mie raccolte.

In google:

site:jazzcares.com "eBooks by nick2nick" quel che cercate

(mi raccomando eh?!, non state lì a digitarlo ma copia-incolla di site:jazzcares.com "eBooks by nick2nick")

Download

Per non essere sommersi dalle pubblicità invasive, è consigliato l'uso di Firefox (o di Google Chrome) con installata l'estensione "AdBlock Plus".

Molto più comodo che col browser è scaricare con il programma gratuito JDownloader 2, che anche decomprime gli archivi .rar e si ricorda le password utilizzate in precedenza per decomprimere i rar protetti.

Informazioni per scaricare da TusFiles

Se si scarica da TusFiles direttamente con il browser (consigliato Firefox con le estensioni "AdBlock Plus" e "NoScript"), bisogna:

- permettere in "NoScript" l'esecuzione dei javascript dal sito TusFiles (e SOLO da quello),

- si rimuove il segno di spunta che precede "Use our download manager and get recommended downloads" (altrimenti non inviano il file giusto ma un .exe adware);

- si fa clic sul pulsante verde (col nome del file .rar) sotto la nuvoletta;

tf4.png

Informazioni per scaricare da NowDownload

Per poter scaricare da alcuni filehoster, tra cui NowDownload, bloccati dai propri provider italiani, basta cambiare i DNS di default (= quelli del proprio provider) con i DNS di Google (8.8.8.8 e 8.8.4.4) o, meglio ancora, con quelli di OpenDNS (208.67.222.222 e 208.67.220.220). La procedura per il proprio sistema operativo si trova facilmente con google.

NowDownload, anche a chi non ha l'abbonamento premium, non richiede captcha e consente di scaricare più file contemporaneamente e velocemente.

Istruzioni dettagliate per il download

A) METODO IMMEDIATO SENZA INSTALLARE NULLA

Utilizzando il browser:

- Selezioni tutto il link (

Registrati o effettua il login per visualizzare questo contenuto.

) nel riquadro "download" del post e fai "copia";

- Vai nella barra dell'indirizzo del browser che usi e fai "incolla", poi premi il tasto "Invio";

- Si apre nel browser la pagina di TusFiles relativa al file richiesto.

Alcuni brontolano che a questo punto si aprono pagine pubblicitarie piuttosto fastidiose. Ma io non le ho mai viste perché utilizzo Firefox con le estensioni "AdBlock Plus" e "NoScript". Caldamente consigliato! (E non solo per Tusfiles: potrai dire addio alla pubblicità invasiva e ti godrai tutt'un altro web!)

A questo punto ci sono 2 possibilità:

1. Il file è disponibile per il download. Allora:

- permetti in "NoScript" l'esecuzione dei javascript dal sito TusFiles (e SOLO da quello);

- togli il segno di spunta che precede "Use our download manager and get recommended downloads", altrimenti non ti inviano il file giusto ma un .exe (adware);

- clic sul pulsante verde (col nome del file .rar) sotto la nuvoletta;

tf4.png

- scegli dove salvare il file (è un archivio con estensione RAR) e attendi il completamento del download;

- nelle ultime versioni di Firefox, nella barra dei menù c'è un'icona "freccia verso il basso" che, cliccata, mostra l'avanzamento dei download e, a download completato, facendo clic sul simbolo a destra apre la cartella dell'hard disk in cui il file è stato salvato;

- estrai il contenuto del file RAR (es: con WinRar oppure con UniExtract) utilizzando la password

Registrati o effettua il login per visualizzare questo contenuto.

2. Il file è off-line:

- talvolta può capitare che i server di tusfiles abbiano per qualche ora un problema tecnico che renda impossibile scaricare da essi (si è in questo caso quando, visualizzando la pagina di download e iniziando lo scaricamento, il browser visualizza un messaggio di errore): il file è ancora presente e disponibile, ma per scaricarlo bisogna riprovare in seguito;

- può però succedere (specie se il post è di parecchi mesi fa) che il file sia stato effettivamente cancellato dai server di tusfiles (si è in questo caso quando la pagina di download si visualizza correttamente, ma c'è scritto un "deleted"...): allora aggiungi un commento al post (specificando il titolo, perché i nuovi post vanno a finire in fondo alla lista e non riesco altrimenti a capire quale file ti dà problemi) oppure fai clic sul piccolo "PM" in basso al riquadro del post e mi avvisi con un messaggio privato, e provvedo appena possibile con un nuovo link funzionante.

B) METODO PIÙ EFFICACE E COMODO

Per scaricare file, specie se sono molti, è meglio utilizzare lo specifico programma JDownloader 2 (JD2 nel seguito), ma ci vuole un po' di accortezza altrimenti potrebbe installare qualche fastidioso adware (= programma pubblicitario inutile e spesso dannoso per il computer e la privacy).

Installazione:

1. Installa Java (

Registrati o effettua il login per visualizzare questo contenuto.

) se non è ancora presente nel computer, o aggiornalo all'ultima versione.

2. Dalla pagina di download del sito del produttore scegli il "without installer". In questo caso, in

Registrati o effettua il login per visualizzare questo contenuto.

, lo trovi come "Java - Other". È comune attualmente imbattersi in Installer = Adware, Portable = Freeware.

3. Scarichi JDownloader.jar, poi doppio clic su di esso. Il primo avvio di JDownloader 2 prevede un sostanzioso aggiornamento dei file essenziali al funzionamento del programma, con tanto di riavvio di JD2 e ripresa dell'aggiornamento.

4. Se nel frattempo l'installazione propone di installare qualche cazzabubbolo (toolbar, armenicoli strani...) bisogna rifiutare (togliendo spunte, facendo clic su annulla...).

5. Dai un'occhiata alle impostazioni di JD2 e apporta le modifiche del caso (con buon senso ed eventualmente consultando la sua documentazione).

Uso:

- Selezioni tutto il link (

Registrati o effettua il login per visualizzare questo contenuto.

) nel riquadro "download" del post e fai "copia";

- click destro sul file in JD2 e gli specifichi la password (basta la prima volta, poi JD2 se la ricorda e la riutilizza);

- avvii il download;

- i file scaricati, decompressi e pronti all'utilizzo, li trovi tutti nella cartella che hai specificato nelle impostazioni di JD2.

Se i file sono off-line: come al punto 2 del metodo "A".

Se, dopo aver letto con attenzione quanto sopra e seguito passo-passo la procedura, hai ancora qualche problema di download o qualche dubbio, non esitare a segnalarmelo!

Che significa "versione NT" per EPUB e MOBI

In un buon epub o mobi (o in un pdf con le note non a pie' di pagina) il riferimento alle note appare nel corpo del testo come un piccolo numero (o lettera o *) in posizione di apice. Facendoci clic sopra si visualizza un'altra parte dell'ebook con il contenuto della nota.

La versione "NT", cioè con il contenuto delle Note inserito direttamente nel Testo [[evidenziato da doppie parentesi quadre e dimensione ridotta dei caratteri]], è pensata per i dispositivi e-ink in cui è piuttosto scomodo sfruttare l'ipertestualità (touch screen + dimensione ridotta dei caratteri = ci si ritrova spesso nella pagina adiacente e non in quella linkata :-( ). Talvolta il contenuto delle note non è meramente bibliografico ma essenziale alla comprensione del testo. Fornisco entrambe le versioni, poi il lettore sceglierà secondo le sue preferenze.

Segnalazioni

Se avete problemi con il download dei file che ho pubblicato, segnalatemelo per favore con un messaggio privato (click su PM in basso a sinistra del post). Per le segnalazioni di più file, raggruppate per cortesia i titoli dei post in alto a sinistra (col copia-incolla, sono cliccabili ma si selezionano facilmente partendo dalla fine della frase) in un unico messaggio.

Buona lettura!

nick2nick

Hanno ringraziato: 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

SCARICA DA OLTRE 80 HOST A PARTIRE DA 3,99 € AL MESE

CLICCA SULL'IMMAGINE DI ALLDEBRID QUI SOTTO

uecpassopopulismo.jpg

Umberto Eco

A passo di gambero

Guerre calde e populismo mediatico

2006 | PDF | 1.1 MB

Gli scritti di questo libro sono apparsi tra inizio 2000 e fine 2005, negli anni dell'11 settembre, delle guerre in Afghanistan e in Iraq, dell'instaurazione in Italia di un regime di populismo mediatico. Leggendoli ci si accorge che sin dalla fine dello scorso millennio si sono verificati drammatici passi all'indietro. Dopo la caduta del Muro di Berlino si erano dovuti riesumare gli Atlanti del 1914, e da tempo le nostre famiglie ospitavano di nuovo servi di colore, come in "Via col vento". Terminata la Guerra Fredda, abbiamo avuto con Afghanistan e Iraq il ritorno della Guerra Calda e riesumando il Grande Gioco kiplinghiano si è tornati allo scontro tra Islam e Cristianità. È risorto il fantasma del Pericolo Giallo ed è stata riaperta la polemica antidarwiniana del XIX secolo, abbiamo di nuovo gli antisemiti e i fascisti e si è riaperto il contenzioso post-cavouriano tra Chiesa e Stato. Sembra da questo libro che la storia, dopo aver fatto affannosi passi in avanti, stia ora tornando indietro "a passo di gambero".


http://www.tusfiles.net/3jt7hgfxiewf

Password: nick2nick

Registrati o effettua il login per visualizzare questo contenuto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

gasordaalbanesi.jpg

Gian Antonio Stella

L'orda

Quando gli albanesi eravamo noi

2002 | PDF | 1.1 MB

Un saggio vibrante d'impegno civile e morale che ricostruisce una pagina importante della storia sociale d'Italia, un tempo, non troppo lontano, tra la fine dell'Ottocento e l'inizio del Novecento, in cui i clandestini, gli immigrati disperati eravamo noi. Un libro contro il razzismo, l'egoismo e i pregiudizi. Nella ricostruzione di Gian Antonio Stella, ricca di fatti, personaggi, aneddoti, documenti, storie ignote o sconvolgenti, compare l'altra faccia della grande emigrazione italiana. Quella che meglio dovremmo conoscere proprio per capire, rispettare e amare ancora di più i nostri nonni, padri, madri e sorelle che partirono. Quella che abbiamo rimosso per ricordare solo gli "zii d'America" arricchiti e vincenti. Una scelta fatta per raccontare a noi stessi, in questi anni di confronto con le "orde" di immigrati in Italia e di montante xenofobia, che quando eravamo noi gli immigrati degli altri, eravamo "diversi". Eravamo più amati. Eravamo "migliori". Non è esattamente così.


http://www.tusfiles.net/5d3rmay5ikx7

Password: nick2nick

Registrati o effettua il login per visualizzare questo contenuto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

srgas2011padreterni.jpg

Sergio Rizzo, Gian Antonio Stella

Licenziare i Padreterni

L'Italia tradita dalla Casta

2011 | PDF | 0.4 MB

La crisi infuria, l'euro vacilla, l'Italia è a rischio default. Urgono interventi, anche dolorosi, che la manovra correttiva del governo chiede a tutti i cittadini. Beh, non proprio a tutti: le misure che toccano le tasche dei politici vengono rinviate a un ipotetico futuro, e un golpe notturno elimina dalla manovra di Tremonti la norma che adegua le indennità dei parlamentari italiani a quelle, molto più basse, dei colleghi europei. Siamo davvero governati da una casta talmente abituata ai privilegi da non rendersi conto che il proprio comportamento mette a rischio non solo il decoro, ma anche la tenuta delle istituzioni. Questo libro è un'invettiva che mette i politici e la politica (nazionale e locale) di fronte alle proprie responsabilità. Come dice Barack Obama: “Se non ora quando?”.


http://www.tusfiles.net/5xqt0xujio3g

Password: nick2nick

Registrati o effettua il login per visualizzare questo contenuto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

srgas2008deriva.jpg

Sergio Rizzo, Gian Antonio Stella

La Deriva

Perché l'Italia rischia il naufragio

2008 | PDF | 9.4 MB

Dalle infrastrutture bloccate da lacci di ogni genere all'attività legislativa farraginosa, dai ritardi nell'informatica che ci fanno arrancare dietro la Lettonia agli ordini professionali chiusi a riccio davanti ai giovani, dal declino delle Università-fai-da-te alle rivolte di mille corporazioni, dalle ottusità sindacali ai primari nominati dai partiti: l'Italia è un Paese straordinario che, nonostante la sua storia, le sue eccellenze, i suoi talenti, appare ormai alla deriva. Un Paese che una classe politica prigioniera delle proprie contraddizioni e dei propri privilegi non riesce più a governare. È la tesi di Gian Antonio Stella e Sergio Rizzo: quella Casta, denunciata nel libro che ha rappresentato il più importante fenomeno editoriale degli ultimi anni, non è soltanto sempre più lontana dai cittadini ma è il sintomo di un Paese che non sa più progettare e prendere decisioni forti. E il confronto con gli altri Paesi, senza una svolta netta, coraggiosa, urgente, si fa di giorno in giorno così impietoso da togliere il fiato.


http://www.tusfiles.net/3dkvs5tvj0vy

Password: nick2nick

Registrati o effettua il login per visualizzare questo contenuto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

srgas2011vandali.jpg

Sergio Rizzo, Gian Antonio Stella

Vandali

L'assalto alle bellezze d'Italia

2011 | PDF | 0.7 MB

A Pompei crolla la Schola Armaturarum, l'ultimo mosaicista è andato in pensione dieci anni fa, c'è un solo archeologo per 66 ettari di scavi, un accordo sindacale vieta agli elettricisti di salire su scale più alte di 70 cm. In Sicilia, a due passi da Selinunte, dove il tempio di Apollo resta coperto per undici anni da un'impalcatura solo perché nessuno la smonta, c'è un'intera città di 5000 case abusive di cui 800 così al di fuori da ogni norma da non rientrare in nessuno dei numerosi condoni edilizi, eppure non si è mai vista una ruspa. In un'epoca in cui le scelte turistiche si fanno sul web, il portale governativo Italia.it, dopo sette anni e milioni di euro buttati, ha raggiunto il 4562° posto nella classifica dei siti internet italiani più visitati e il 184.594° di quella internazionale. Campagne e colline vengono assaltate dalla speculazione edilizia senza ricordare quanto scriveva Montanelli: «Ogni filare di viti o di ulivi è la biografia di un nonno o un bisnonno». Sono solo tre esempi dello stato in cui è ridotta una nazione attivamente impegnata a distruggere la sua unica vera ricchezza: l'arte, i paesaggi, la bellezza. Questo libro è la denuncia appassionata di uno scempio, di cui politici e amministratori sono i principali responsabili, molti cittadini i complici e tanti altri le vittime che dovrebbero far sentire più forte la propria voce.


http://www.tusfiles.net/7sq078higuil

Password: nick2nick

Registrati o effettua il login per visualizzare questo contenuto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

srgas2011padreterni.jpg

Sergio Rizzo, Gian Antonio Stella

Licenziare i Padreterni

L'Italia tradita dalla Casta

2011 | PDF | 0.4 MB

La crisi infuria, l'euro vacilla, l'Italia è a rischio default. Urgono interventi, anche dolorosi, che la manovra correttiva del governo chiede a tutti i cittadini. Beh, non proprio a tutti: le misure che toccano le tasche dei politici vengono rinviate a un ipotetico futuro, e un golpe notturno elimina dalla manovra di Tremonti la norma che adegua le indennità dei parlamentari italiani a quelle, molto più basse, dei colleghi europei. Siamo davvero governati da una casta talmente abituata ai privilegi da non rendersi conto che il proprio comportamento mette a rischio non solo il decoro, ma anche la tenuta delle istituzioni. Questo libro è un'invettiva che mette i politici e la politica (nazionale e locale) di fronte alle proprie responsabilità. Come dice Barack Obama: “Se non ora quando?”.


http://www.tusfiles.net/5xqt0xujio3g

Password: nick2nick

Registrati o effettua il login per visualizzare questo contenuto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

mt2003braviragazzi.jpg

Marco Travaglio, Peter Gomez

Bravi ragazzi

La requisitoria Boccassini e l'autodifesa di Previti & C. - Tutte le carte dei processi Berlusconi-toghe sporche

2003 | PDF | 1.6 MB

Dei processi Sme-Ariosto, Mondadori, Imi-Sir, che vedono imputati Brelusconi e Previti, gli avvocati Acampora e Pacifico, i giudici Squillante, Metta, Verde e Misiani, si sa poco o nulla. Gomez e Travaglio ricostruiscono giorno per giorno la storia dei tre processi e delle infinite manovre per farli saltare, e pubblicano i documenti più importanti per capire i fatti già accertati, le ragioni dell'accusa e le tesi delle difese. A cominciare dalla requisitoria orale (finora inedita) di Ilda Boccassini, nella trascrizione ufficiale del Tribunale di Milano. E poi i verbali di Stefania Ariosto, le carte svizzere, gli interrogatori di Previti, Pacifico e Squillante, la sentenza di prescrizione del Cavaliere.


http://www.tusfiles.net/d7ey73dtv0wc

Password: nick2nick

Registrati o effettua il login per visualizzare questo contenuto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

mt2006lucianointrighi.jpg

Ala Sinistra, Mezzala Destra [Marco Travaglio]

Lucky Luciano

Intrighi, maneggi, scandali del padrone del calcio Luciano Moggi

2006 | PDF | 0.8 MB

Un libro scritto in joint-venture da tre giornalisti sportivi, che hanno preferito l'anonimato, e da Marco Travaglio. L'incredibile carriera di Lucianone Moggi, da ferroviere nullatenente a padrone miliardario del Calcio italiano. Autunno 1979: consigliere della Roma, viene sorpreso a cena con una terna arbitrale. Primavera 1980: tenta la scalata alla Lazio dello scandalo calcio-scommesse. Primavera 1982: manovra e pasticcia nel Torino calcio. Estate 1987: passa al Napoli di Maradona, e sotto il Vesuvio è un turbine di scandali contornati da camorristi e cocaina. Primavera 1991, nel Torino di Borsano: signore-squillo per gli arbitri, giocatori-fantasma, fondi neri, e lo scandalo Lentini. Estate 1993: di nuovo alla Roma, fra veleni e sospetti, da despota del calciomercato (intanto il figlio ventenne diventa procuratore di calciatori). Primavera 1994: viene ingaggiato dalla Juventus, e la Vecchia Signora precipita in un gorgo di intrighi, sospetti e polemiche. Primavera 2006: è il mattatore dello scandalo-terremoto delle intercettazione telefoniche, inquisito per associazione a delinquere e frode sportiva.


http://www.tusfiles.net/ts60awrbqq3g

Password: nick2nick

Registrati o effettua il login per visualizzare questo contenuto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

mt2006onorevoliwanted.jpg

Marco Travaglio, Peter Gomez

Onorevoli wanted

2006 | PDF | 0.9 MB

In questo libro gli autori raccontano, carte alla mano, i reati dei nostri cosiddetti rappresentanti e dei candidati che aspirano ad esserlo: un centinaio in tutto, mal contati. La stragrande maggioranza è nelle file del centrodestra, ma non mancano quelli del centrosinistra. Fra i più scandalosi: il superprescritto Silvio Berlusconi, il prescritto per mafia Andreotti, il mini prescritto Massimo D'Alema per finanziamento illecito da un imprenditore malavitoso, il bicondannato in appello Cesare Previti (corruzione di due magistrati), il pregiudicato Dell'Utri condannato per frode fiscale e in primo grado per concorso esterno in associazione mafiosa...


http://www.tusfiles.net/rn7e0bz7sz4x

Password: nick2nick

Registrati o effettua il login per visualizzare questo contenuto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

mt2006scomparsafatti.jpg

Marco Travaglio

La scomparsa dei fatti

Si prega di abolire le notizie per non disturbare le opinioni

2006 | PDF | 2.7 MB

Nel mondo politico e in gran parte del giornalismo italiano assistiamo da tempo a un fenomeno inquietante: la "scomparsa dei fatti". Capovolgendo il vecchio motto del settimanale Panorama "I fatti separati dalle opinioni", oggi sono spesso le opinioni a trasformarsi in fatti. In un paese dove lo scontro ideologico è diventato la prassi, grazie anche alle performance del nostro ex presidente del Consiglio e del suo manipolo di mestatori mediatici, gli esempi di questa situazione abbondano ovunque. Nella coscienza collettiva si radicano "fatti"che non sono mai stati tali. Due soli esempi: è convinzione comune che il contingente italiano sia stato mandato in Iraq a seguito di una risoluzione dell'Onu: falso; ci siamo andati molto prima. Il ministro Mussi ritiene giusto che il nostro paese consenta all'Unione Europea la prosecuzione della ricerca sulle cellule staminali. Traduzione: Mussi attacca la vita, i cattolici, e vuole abolire la legge corrente. Corrosivo come sempre, Marco Travaglio dimostra come l'informazione in Italia, salvo rarissime eccezioni, abbia del tutto smarrito la sua funzione originaria.


http://www.tusfiles.net/iwxc2uqz04qz

Password: nick2nick

Registrati o effettua il login per visualizzare questo contenuto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

mt2008suonabanana.jpg

Marco Travaglio

Per chi suona la banana

Il suicidio dell'Unione Brancaleone e l'eterno ritorno di Al Tappone

2008 | PDF | 1.5 MB

Per chi suona la banana racconta con graffiante puntiglio e feroce amore per la verità i dodici mesi finali dell'Unione Brancaleone e i primi sei del Berlusconi III. Con cadenza pressoché quotidiana, Travaglio registra fatti e dichiarazioni del teatrino politico-mediatico, richiama i suoi protagonisti alle loro dichiarazioni (dove troppo spesso latitano coerenza e logica), denuncia storture e stupidaggini. È la pratica di un giornalismo che ha come linee guida la libertà e l'indipendenza – e infatti gli strali colpiscono imparzialmente a destra e a sinistra. Si tratta in primo luogo di informare, dando spazio anche alle notizie che un'informazione addomesticata cerca di far sparire, riportando alla memoria il passato e creando nessi illuminanti tra fatti e frasi in apparenza distanti. Un giornalismo di questo genere assume così un compito di controllo e verifica nei confronti dei Palazzi, un ruolo fondamentale per il buon funzionamento di ogni democrazia. Per chi suona la banana, come gli altri libri di Marco Travaglio, finisce dunque per portare alla luce alcune delle dinamiche profonde – e a volte desolanti – della recente storia patria. Solo da qui, tuttavia, solo acquisendo consapevolezza di difetti e storture, è possibile iniziare a cambiare, immaginare un paese e una politica diversi. Chi preferisce il pessimismo all'utopia può invece provare a ipotizzare, partendo da queste pagine, la prossima tappa del degrado. Ma intanto questo Paese e questa politica, così come li racconta Travaglio, sono spesso (purtroppo!) più divertenti delle gag di molti cabarettisti.


http://www.tusfiles.net/9mf59c6sm9ye

Password: nick2nick

Registrati o effettua il login per visualizzare questo contenuto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

mt2009papiscandalo.jpg

Marco Travaglio, Peter Gomez, Marco Lillo

Papi

Uno scandalo politico

2009 | PDF | 9.6 MB

Così si sceglie la nuova classe politica italiana. Prima nelle residenze del Cavaliere, poi al Parlamento europeo o negli enti locali. Tra escort, ballerine, modelle e tanta musica. Dal vivo. Uno spettacolo come in tv, quella che piace al premier. Con l'aggiunta di personaggi alla Gianpi Tarantini, grande navigatore nel mare della politica truccata a colpi di mazzette e party da jet set, tra cocaina e frequentazioni pericolose. Telefonate su telefonate e testimonianze dirette. A partire da quella di Patrizia D'Addario, la squillo all'ultimo momento esclusa dalle elezioni europee. Questo libro ricostruisce fatti privati che diventano pubblici ed espongono Papi-Silvio a ogni sorta di ricatto, trascinando l'Italia al punto più basso del suo discredito internazionale.


http://www.tusfiles.net/1khezbz3a7w2

Password: nick2nick

Registrati o effettua il login per visualizzare questo contenuto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

nc2003doposettembre.jpg

Noam Chomsky

Dopo l'11 Settembre

Potere e terrore

2003 | PDF | 0.4 MB

Dopo gli attentati dell'11 settembre 2001, il lutto, la rabbia, il desiderio di consegnare alla giustizia i mandanti hanno compattato l'opinione pubblica americana intorno al presidente Bush e alla sua crociata contro il male, proclamata in toni apocalittici. Chomsky rifiuta di appiattirsi su questa logica manichea e sostiene si debba parlare di terrorismo per ogni atto di aggressione alla popolazione civile, e quindi non solo per attacchi come quello alle Torri Gemelle, ma anche per tanti capitoli della storia passata e presente: il conflitto arabo-israeliano, la repressione dei curdi da parte della Turchia e dei ceceni da parte della Russia, ma anche tutti gli interventi armati degli Stati Uniti in Vietnam, o in Iraq.


http://www.tusfiles.net/8vqgsk37ij0r

Password: nick2nick

Registrati o effettua il login per visualizzare questo contenuto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

nc2005democraziagrande.jpg

Noam Chomsky

La democrazia del grande fratello

Un indispensabile antidoto alla TV e alle bugie dei media

2005 | PDF | 0.7 MB

Lo aveva profetizzato George Orwell. Lo aveva intuito Orson Welles. Ma il cinico protagonista di Quarto potere fa sorridere se paragonato ai nuovi colossi dei media denunciati in questi scritti dedicati a uno dei gangli vitali della democrazia: il pluralismo dell'informazione e la libertà di stampa. La macchina da indottrinamento al servizio di potentissimi, e occulti, poteri finanziari è per Noam Chomsky il vero Grande Fratello della società americana e occidentale. Un sistema di propaganda perfetto che si regge su due pilastri. Il primo sforna fiction, soap, reality show e sport per distrarre gli interessi della gente dai problemi reali. Il secondo indirizza le opinioni di lettori e spettatori, formando convenientemente le nuove classi dirigenti.


http://www.tusfiles.net/88v114i3hgpa

Password: nick2nick

Registrati o effettua il login per visualizzare questo contenuto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

nc2007capirepotere.jpg

Noam Chomsky

Capire il potere

2007 | PDF | 1.2 MB

"Capire il potere" raccoglie gli interventi più significativi di Noam Chomsky, uno dei più importanti pensatori contemporanei. Gli argomenti spaziano dalla politica estera statunitense alla crisi del welfare sotto l'amministrazione Clinton. Tracciano una mappa illuminante delle connessioni tra la spinta imperialista verso il resto del mondo e le ripercussioni negative sulla società americana. Toccano i temi dell'attivismo politico e del ruolo dei media. Si tramutano in proposta d'intervento concreto per un rinnovamento della società e per la soluzione di questioni internazionali. Ciò che contraddistingue il pensiero di Chomsky è la padronanza di un'immensa mole di informazioni e l'abilità nello smascherare in ogni contesto i meccanismi e gli inganni del potere.


http://www.tusfiles.net/lj5qcwihaslu

Password: nick2nick

Registrati o effettua il login per visualizzare questo contenuto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

obtrilogiacensura.jpg

Oliviero Beha

Trilogia della censura

Ieri come oggi: Mundialgate - Antenne rotte - L'Italia non canta più

2005 | PDF | 1.0 MB

Il libro contiene tre libri "scottanti" di Oliviero Beha, pubblicati e poi dimenticati. "Mundialgate", del 1984, è la storia di uno scandalo calcistico: il famigerato "caso Camerun" dei Mondiali del 1982 vinti dall'Italia. "Antenne rotte", del 1990, parla senza riguardi della tv e dell'Italia di allora, appena pre-Tangentopoli, ed è come se stesse parlando di quella di oggi. "L'Italia non canta più", del 1997, un dialogo con Mogol, scoperchia il pentolone della musica italiana della seconda metà del '900. Alla trilogia è premesso uno scritto di Beha, "Ieri come oggi", in cui, oltre a raccontare particolari inediti sulle censure subite, mette a fuoco quanto dell'Italia del presente si spieghi con quella di anni fa. Il calcio, la Tv, la musica leggera sono forse in assoluto i temi più popolari del "paese Italia". Come può accadere che tre libri ad essi dedicati stentino a vedere la luce editoriale e poi vengano accantonati se non addirittura proprio non distribuiti?


http://www.tusfiles.net/2hef2nx6jzto

Password: nick2nick

Registrati o effettua il login per visualizzare questo contenuto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

sznotterepubblica.jpg

Sergio Zavoli

La notte della Repubblica

1994 | PDF | 19.2 MB

"La notte della Repubblica" è il titolo dell'inchiesta televisiva di altissimo livello, che spazia dalla contestazione del '68 sino al tragico epilogo del sequestro di Aldo Moro, con la quale nel 1989 Sergio Zavoli fece luce sulla stagione di piombo appena conclusasi. Essa rimane a tutt'oggi uno degli esempi più riusciti di giornalismo d'inchiesta capace di utilizzare e valorizzare le potenzialità del mezzo televisivo senza rimanerne ostaggio. "La notte della Repubblica" è anche un esempio di indagine storica rigorosa, dettagliata, esauriente, realizzata valorizzando al massimo un approccio non mediato alle fonti dirette, perfettamente il linea con i tempi e le esigenze del mezzo televisione, mai però a scapito della qualità e della completezza del prodotto offerto. In poche parole, la prova lampante che anche la televisione può essere utilizzata occur mezzo di conoscenza e di indagine, a patto che si posseggano le qualità e la sensibilità per farlo. Oggi i contenuti di quella trasmissione continuano fortunatamente a essere reperibili con questo libro, all'interno del quale il lettore trova le interviste ai protagonisti, le schede riassuntive, le cronache dei fatti, ovvero tutto ciò che Zavoli ha raccontato al proprio pubblico trasferito sulla pagina e messo nero su bianco: gli eventi più cruenti che hanno segnato un'epoca e il nostro Paese.


http://www.tusfiles.net/4xahcs21r4eb

Password: nick2nick

Registrati o effettua il login per visualizzare questo contenuto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

rglibrorepubblica.jpg

Rita Di Giovacchino

Il libro nero della Prima Repubblica

2003 | PDF | 1.4 MB

Prendendo spunto dalle sentenze di Perugia e Palermo, rispettivamente contraria e favorevole ad Andreotti, Rita di Giovacchino stende il quadro più completo ed aggiornato di trent'anni di misteri italiani. Nel novembre 2002 Giulio Andreotti - sette volte presidente del Consiglio - è stato condannato a 24 anni per omicidio dalla Corte d'Assise d'Appello del tribunale di Perugia. Nel maggio 2003, il tribunale di Palermo ha assolto il Senatore per insufficienza di prove per i reati di associazione mafiosa ascrittigli dopo il 1982 - ma, cosa poco sottolineata dai media, ha dichiarato prescritto il reato di associazione a delinquere commesso prima del 1980. Entrambi i processi hanno affrontato alcuni intrecci cruciali, e ancora poco o per nulla chiariti, della storia della Prima Repubblica (il rapimento e il Memoriale di Moro, i rapporti fra mafia e politica, le stragi del '92-'93); ma ad Andreotti, e in generale alla classe dirigente della Prima Repubblica, fanno capo tracce semicancellate dall'oblio dei media e da infinite operazioni di depistaggio e insabbiamento che conducono, di volta in volta, a Gladio/"Stay behind", P2, servizi segreti deviati, criminalità organizzata, terrorismo rosso e nero, CIA, KGB, Mossad. Con un'ambizione di chiarezza e completezza forse senza precedenti in una materia così oscura e delicata, Rita di Giovacchino tenta in questo libro un affresco complessivo dell'intreccio di poteri occulti che, dall'interno e dall'esterno, per decenni hanno condizionato in maniera "parallela" e con esiti spesso tragici la vita civile e politica italiana. L'assurda condizione di sovranità limitata imposta da poteri segreti all'Italia - condizione che in certi casi ha reso gli stessi protagonisti politici della Prima Repubblica semplici pedine in giochi più grandi di loro - si trasformano, nel libro di Di Giovacchino, ricco di interpretazioni inedite, in una narrazione avvincente come una spy story ma documentata come un grande reportage. Completa il libro una lunga intervista all'ex presidente della Commissione Stragi Giovanni Pellegrino, che propone una sua nuova, chiarificatrice interpretazione della "trattativa" fra Stato e BR durante il sequestro Moro.


http://www.tusfiles.net/1s6gxat0a7h7

Password: nick2nick

Registrati o effettua il login per visualizzare questo contenuto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

mcalspingendonotte.jpg

Mario Calabresi

Spingendo la notte più in là

Storia della mia famiglia e di altre vittime del terrorismo

2009 | PDF | 0.3 MB

È la mattina del 17 maggio 1972, e la pistola puntata alle spalle del commissario Luigi Calabresi cambierà per sempre la storia italiana. Di lì a poco il nostro paese scivolerà in uno dei suoi periodi più bui, i cosiddetti "anni di piombo", "la notte della Repubblica". Quei due colpi di pistola però non cambiarono solo il corso degli eventi pubblici, ma sconvolsero radicalmente la vita di molti innocenti. La storia dell'omicidio Calabresi è anche la storia di chi è rimasto dopo la morte di un commissario che era anche un marito e un padre. E di tutti quelli che hanno continuato a vivere dopo aver perso la persona amata durante la violenta stagione del terrorismo.


http://www.tusfiles.net/dsxdnqrlgy7h

Password: nick2nick

Registrati o effettua il login per visualizzare questo contenuto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

gbidichiaroprigioniero.jpg

Giovanni Bianconi

Mi dichiaro prigioniero politico

Storie delle Brigate Rosse

2003 | EPUB | 0.2 MB

La storia delle Brigate Rosse nelle vicende di sei protagonisti di primo piano aderenti all'organizzazione terroristica in periodi diversi. Dalle origini, nei primi anni Settanta, fino alla seconda metà degli anni Ottanta, quando le Br parvero quasi smantellate. Fra reportage e narrazione, Bianconi ricostruisce ritratti che fondono in sé non solo il senso della cronaca ma anche di un momento storico che si rivela irto di fili legati al presente.


http://www.tusfiles.net/8itlb18l4mas

Password: nick2nick

Registrati o effettua il login per visualizzare questo contenuto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

gdsnascosterosso.jpg

Gianfranco Di Santo

Le verità nascoste

Il terrorismo rosso in Italia 1970-2007

2008 | PDF | 1.5 MB

Scritto dal Sostituto Commissario della Polizia di Stato Gianfranco Di Santo, ha come suo precipuo scopo quello di ricordare le vittime del terrorismo politico in Italia, non meno delle loro famiglie, che rappresentano un collaterale calvario di dolori e che pure, molto spesso, al pari dei martiri di famiglia caduti nell'espletamento del loro servizio, vengono ingiustamente dimenticate.


http://www.tusfiles.net/2blrmqjfhh6x

Password: nick2nick

Registrati o effettua il login per visualizzare questo contenuto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

mcapformidabilianni.jpg

Mario Capanna

Formidabili quegli anni

2007 | EPUB + PDF | 1.0 MB

"Con il '68 il mondo è andato avanti nella conquista dei diritti civili: perciò è utile riscoprirne i valori alle soglie del terzo millennio. "Questa è l'opinione di Mario Capanna, leader del Movimento studentesco di allora, impegnato in prima persona in una delle grandi battaglie di idee dell'Italia del dopoguerra. Sono passati quarant'anni e la scena internazionale è stata sconvolta da grandi avvenimenti: la caduta del Muro di Berlino, l'avvento del mondo unipolare, la globalizzazione. In Italia nuovi soggetti politici si sono affacciati sulla scena, dopo il crollo dei vecchi partiti, avversari storici delle lotte di allora, si stabiliscono nuove alleanze... Destra, sinistra, centro... È per questo che vale la pena ascoltare la voce di chi ha vissuto in prima persona quegli avvenimenti, occupazioni, manifestazioni di piazza, per capire il nuovo di oggi.


http://www.tusfiles.net/ldybhgy36mzv

Password: nick2nick

Registrati o effettua il login per visualizzare questo contenuto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

pnsegretoemanuela.jpg

Pino Nazio

Il segreto di Emanuela Orlandi

Papa Wojtyla, la tomba del boss e la banda della Magliana

2012 | EPUB + PDF | 0.6 MB

Lunedì 14 maggio 2012, la lapide che copre il sarcofago di Enrico De Pedis viene alzata. I resti del capo della banda della Magliana sono lì da 20 anni, in molti pensano che siano vicini a quelli di Emanuela Orlandi, scomparsa il 22 giugno del 1983. La ragazzina, figlia di un commesso del Papa e cittadina vaticana, sparì misteriosamente tra i vicoli del centro di Roma. Indagini, rivelazioni, depistaggi e decine di ipotesi: intrigo internazionale o ricatto interno al Vaticano, festini sessuali o maniaco isolato? Una vicenda ambigua, oscura ma che, se si mettono in relazione alcuni fatti salienti, rivela un chiaro disegno. L'analisi oggettiva di quanto è accaduto in questi 30 anni è servita all'autore - che ha incontrato decine dei protagonisti, visitato tutti i luoghi, raccolto testimonianze inedite - per proporre una ricostruzione che permette di leggere questo libro come la trama di un romanzo e la documentazione di un saggio. Dalla prima all'ultima pagina.


http://www.tusfiles.net/os9o75j429j0

Password: nick2nick

Registrati o effettua il login per visualizzare questo contenuto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

pnicronacacriminale.jpg

Pino Nicotri

Cronaca criminale

La storia definitiva della Banda della Magliana

2010 | EPUB + PDF | 1.2 MB

Il 20 gennaio 2010 il magistrato del tribunale di Roma Giancarlo Capaldo ha dichiarato che la Banda della Magliana «è un'invenzione giornalistica» e che «non è mai esistita una organizzazione unitaria della malavita romana». Eppure la «bandaccia», come veniva anche chiamata, è stata protagonista di romanzi, film e sceneggiati televisivi di grande successo e suggestione, fino a diventare sinonimo di «cupola» onnicomprensiva della malavita capitolina dalla seconda metà degli anni Settanta alla fine degli anni Ottanta, e a far sospettare, addirittura, che esista ancora. Ritenuta ricca di agganci compiacenti nelle zone torbide dei servizi segreti, della finanza, della massoneria, del terrorismo e della gerarchia vaticana, fino a essere la loro longa manus negli affari più sporchi, alla Banda della Magliana sono stati addebitati quasi tutti i casi che hanno scandito la burrascosa storia italiana di quegli anni «ruggenti» e sanguinosi: l'omicidio del giornalista Mino Pecorelli, l'attentato al banchiere Roberto Rosone, la morte del banchiere Roberto Calvi, i depistaggi riguardo il rapimento e l'uccisione dell'onorevole Aldo Moro e la strage della stazione di Bologna, le scorribande della banca vaticana IOR, della mafia, della camorra, della 'ndrangheta, della Loggia P2 di Licio Gelli, ecc… I confini tra mito e realtà si sono sempre più assottigliati fino a diventare evanescenti e provocare il coinvolgimento della banda nelle indagini sulla scomparsa della giovane cittadina vaticana Emanuela Orlandi, con annesso caso della sepoltura in una basilica romana di Enrico «Renatino» De Pedis, il presunto capo dei capi del sodalizio criminale. Ma come stanno in realtà le cose? Esisteva la onnitentacolare Banda della Magliana o esisteva invece Roma Caput Criminis? Domande alle quali Pino Nicotri fornisce le risposte.


http://www.tusfiles.net/ng4ggo1wviyn

Password: nick2nick

Registrati o effettua il login per visualizzare questo contenuto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti