nick2nick

eBooks by nick2nick: religione

93 risposte in questa discussione

eBooks by nick2nick

religione

[tech-info][/tech-info]

Gli avvisi riguardanti tutti gli articoli che seguono compariranno in questo primo post.

Visualizzazione

Per visualizzare questo catalogo partendo dai post più recenti: in fondo a questa pagina, al centro, c'è:

"Ordina per" (Ora di invio) (Crescente) "Vai"

basta cambiare (Crescente) in (Decrescente), poi clic su "Vai".

Ricerche

Purtroppo il motore di ricerca interno di route34hacks limita il suo campo d'azione al primo post, ma c'è un trucco per trovare subito la pagina giusta in queste mie raccolte.

In google:

site:jazzcares.com "eBooks by nick2nick" quel che cercate

(mi raccomando eh?!, non state lì a digitarlo ma copia-incolla di site:jazzcares.com "eBooks by nick2nick")

Download

Per non essere sommersi dalle pubblicità invasive, è consigliato l'uso di Firefox (o di Google Chrome) con installata l'estensione "AdBlock Plus".

Molto più comodo che col browser è scaricare con il programma gratuito JDownloader 2, che anche decomprime gli archivi .rar e si ricorda le password utilizzate in precedenza per decomprimere i rar protetti.

Informazioni per scaricare da TusFiles

Se si scarica da TusFiles direttamente con il browser (consigliato Firefox con le estensioni "AdBlock Plus" e "NoScript"), bisogna:

- permettere in "NoScript" l'esecuzione dei javascript dal sito TusFiles (e SOLO da quello),

- si rimuove il segno di spunta che precede "Use our download manager and get recommended downloads" (altrimenti non inviano il file giusto ma un .exe adware);

- si fa clic sul pulsante verde (col nome del file .rar) sotto la nuvoletta;

tf4.png

Informazioni per scaricare da NowDownload

Per poter scaricare da alcuni filehoster, tra cui NowDownload, bloccati dai propri provider italiani, basta cambiare i DNS di default (= quelli del proprio provider) con i DNS di Google (8.8.8.8 e 8.8.4.4) o, meglio ancora, con quelli di OpenDNS (208.67.222.222 e 208.67.220.220). La procedura per il proprio sistema operativo si trova facilmente con google.

NowDownload, anche a chi non ha l'abbonamento premium, non richiede captcha e consente di scaricare più file contemporaneamente e velocemente.

Istruzioni dettagliate per il download

A) METODO IMMEDIATO SENZA INSTALLARE NULLA

Utilizzando il browser:

- Selezioni tutto il link (

Registrati o effettua il login per visualizzare questo contenuto.

) nel riquadro "download" del post e fai "copia";

- Vai nella barra dell'indirizzo del browser che usi e fai "incolla", poi premi il tasto "Invio";

- Si apre nel browser la pagina di TusFiles relativa al file richiesto.

Alcuni brontolano che a questo punto si aprono pagine pubblicitarie piuttosto fastidiose. Ma io non le ho mai viste perché utilizzo Firefox con le estensioni "AdBlock Plus" e "NoScript". Caldamente consigliato! (E non solo per Tusfiles: potrai dire addio alla pubblicità invasiva e ti godrai tutt'un altro web!)

A questo punto ci sono 2 possibilità:

1. Il file è disponibile per il download. Allora:

- permetti in "NoScript" l'esecuzione dei javascript dal sito TusFiles (e SOLO da quello);

- togli il segno di spunta che precede "Use our download manager and get recommended downloads", altrimenti non ti inviano il file giusto ma un .exe (adware);

- clic sul pulsante verde (col nome del file .rar) sotto la nuvoletta;

tf4.png

- scegli dove salvare il file (è un archivio con estensione RAR) e attendi il completamento del download;

- nelle ultime versioni di Firefox, nella barra dei menù c'è un'icona "freccia verso il basso" che, cliccata, mostra l'avanzamento dei download e, a download completato, facendo clic sul simbolo a destra apre la cartella dell'hard disk in cui il file è stato salvato;

- estrai il contenuto del file RAR (es: con WinRar oppure con UniExtract) utilizzando la password

Registrati o effettua il login per visualizzare questo contenuto.

2. Il file è off-line:

- talvolta può capitare che i server di tusfiles abbiano per qualche ora un problema tecnico che renda impossibile scaricare da essi (si è in questo caso quando, visualizzando la pagina di download e iniziando lo scaricamento, il browser visualizza un messaggio di errore): il file è ancora presente e disponibile, ma per scaricarlo bisogna riprovare in seguito;

- può però succedere (specie se il post è di parecchi mesi fa) che il file sia stato effettivamente cancellato dai server di tusfiles (si è in questo caso quando la pagina di download si visualizza correttamente, ma c'è scritto un "deleted"...): allora aggiungi un commento al post (specificando il titolo, perché i nuovi post vanno a finire in fondo alla lista e non riesco altrimenti a capire quale file ti dà problemi) oppure fai clic sul piccolo "PM" in basso al riquadro del post e mi avvisi con un messaggio privato, e provvedo appena possibile con un nuovo link funzionante.

B) METODO PIÙ EFFICACE E COMODO

Per scaricare file, specie se sono molti, è meglio utilizzare lo specifico programma JDownloader 2 (JD2 nel seguito), ma ci vuole un po' di accortezza altrimenti potrebbe installare qualche fastidioso adware (= programma pubblicitario inutile e spesso dannoso per il computer e la privacy).

Installazione:

1. Installa Java (

Registrati o effettua il login per visualizzare questo contenuto.

) se non è ancora presente nel computer, o aggiornalo all'ultima versione.

2. Dalla pagina di download del sito del produttore scegli il "without installer". In questo caso, in

Registrati o effettua il login per visualizzare questo contenuto.

, lo trovi come "Java - Other". È comune attualmente imbattersi in Installer = Adware, Portable = Freeware.

3. Scarichi JDownloader.jar, poi doppio clic su di esso. Il primo avvio di JDownloader 2 prevede un sostanzioso aggiornamento dei file essenziali al funzionamento del programma, con tanto di riavvio di JD2 e ripresa dell'aggiornamento.

4. Se nel frattempo l'installazione propone di installare qualche cazzabubbolo (toolbar, armenicoli strani...) bisogna rifiutare (togliendo spunte, facendo clic su annulla...).

5. Dai un'occhiata alle impostazioni di JD2 e apporta le modifiche del caso (con buon senso ed eventualmente consultando la sua documentazione).

Uso:

- Selezioni tutto il link (

Registrati o effettua il login per visualizzare questo contenuto.

) nel riquadro "download" del post e fai "copia";

- click destro sul file in JD2 e gli specifichi la password (basta la prima volta, poi JD2 se la ricorda e la riutilizza);

- avvii il download;

- i file scaricati, decompressi e pronti all'utilizzo, li trovi tutti nella cartella che hai specificato nelle impostazioni di JD2.

Se i file sono off-line: come al punto 2 del metodo "A".

Se, dopo aver letto con attenzione quanto sopra e seguito passo-passo la procedura, hai ancora qualche problema di download o qualche dubbio, non esitare a segnalarmelo!

Che significa "versione NT" per EPUB e MOBI

In un buon epub o mobi (o in un pdf con le note non a pie' di pagina) il riferimento alle note appare nel corpo del testo come un piccolo numero (o lettera o *) in posizione di apice. Facendoci clic sopra si visualizza un'altra parte dell'ebook con il contenuto della nota.

La versione "NT", cioè con il contenuto delle Note inserito direttamente nel Testo [[evidenziato da doppie parentesi quadre e dimensione ridotta dei caratteri]], è pensata per i dispositivi e-ink in cui è piuttosto scomodo sfruttare l'ipertestualità (touch screen + dimensione ridotta dei caratteri = ci si ritrova spesso nella pagina adiacente e non in quella linkata :-( ). Talvolta il contenuto delle note non è meramente bibliografico ma essenziale alla comprensione del testo. Fornisco entrambe le versioni, poi il lettore sceglierà secondo le sue preferenze.

Segnalazioni

Se avete problemi con il download dei file che ho pubblicato, segnalatemelo per favore con un messaggio privato (click su PM in basso a sinistra del post). Per le segnalazioni di più file, raggruppate per cortesia i titoli dei post in alto a sinistra (col copia-incolla, sono cliccabili ma si selezionano facilmente partendo dalla fine della frase) in un unico messaggio.

Buona lettura!

nick2nick

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

SCARICA DA OLTRE 80 HOST A PARTIRE DA 3,99 € AL MESE

CLICCA SULL'IMMAGINE DI ALLDEBRID QUI SOTTO

benge1.jpg

Benedetto XVI (Joseph Ratzinger)

Gesù di Nazaret

Dal battesimo alla trasfigurazione

2007 | EPUB + MOBI | 0.5 MB

Papa Benedetto XVI affronta il mistero del figlio di Dio con gli strumenti del grande teologo e il carisma del Pastore di popoli, percorrendone la vicenda dal Battesimo fino alla crocifissione e alla Trasfigurazione sul Monte Tabor. Al centro della ricostruzione c'è la figura storica del Messia, così come ci è tramandata da Vangeli e fonti alternative: una prospettiva che evidenzia la grandezza di Cristo, perché "proprio questo Gesù è storicamente sensato e convincente". Questo libro toccante - parte di un percorso che unisce esegesi biblica e incontro spirituale - ci regala preziosi spunti per comprendere ancora più a fondo la grandezza dirompente del Nazareno: la sua figura e le sue parole hanno superato radicalmente speranze e aspettative della sua epoca, e la sua umanità ha messo in discussione tutte le categorie disponibili, rendendosi comprensibile solo a partire dal miracolo di un Dio che si è rivelato nel farsi completamente umano.


http://www.tusfiles.net/juub648h8bna

Password: nick2nick

Registrati o effettua il login per visualizzare questo contenuto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

benge2.jpg

Benedetto XVI (Joseph Ratzinger)

Gesù di Nazaret

Dall'ingresso in Gerusalemme fino alla risurrezione

2011 | PDF | 1.2 MB

Si tratta del'ultimo libro che uno dei maggiori teologi del XX secolo si era proposto di scrivere come atto conclusivo del suo percorso intellettuale e scientifico, prima ancora di essere eletto Papa. Così l'autore non intende parlare in primo luogo quale Romano Pontefice, ed il libro non vuole essere un atto ufficiale del suo magistero. Ma questa apparente debolezza in realtà si rivela la forza di un libro che desidera liberamente interloquire con tutti. L'analisi tanto appassionata quanto scientificamente rigorosa degli avvenimenti - l'Ingresso a Gerusalemme, la Lavanda dei piedi, l'Ultima Cena, il Getsemani ed altro ancora - è come attraversata da una nota di sottofondo sempre ricorrente: è la domanda di importanza decisiva a un tempo per lo studioso e per ogni credente: il Gesù nel quale crediamo è anche il Gesù veramente esistito? I Vangeli ci mostrano la figura di Gesù la più storicamente sensata e convincente?


http://www.tusfiles.net/8klhnmu7mqeo

Password: nick2nick

Registrati o effettua il login per visualizzare questo contenuto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

benge3.jpg

Benedetto XVI (Joseph Ratzinger)

L'infanzia di Gesù

2012 | EPUB + MOBI + PDF | 0.9 MB

"Finalmente posso consegnare nelle mani del lettore il piccolo libro da lungo tempo promesso sui racconti dell'infanzia di Gesù. Non si tratta di un terzo volume, ma di una specie di piccola "sala d'ingresso" ai due precedenti volumi sulla figura e sul messaggio di Gesù di Nazaret. Qui ho ora cercato di interpretare, in dialogo con esegeti del passato e del presente, ciò che Matteo e Luca raccontano, all'inizio dei loro Vangeli, sull'infanzia di Gesù. Un'interpretazione giusta, secondo la mia convinzione, richiede due passi. Da una parte, bisogna domandarsi che cosa intendevano dire con il loro testo i rispettivi autori, nel loro momento storico - è la componente storica dell'esegesi. Ma non basta lasciare il testo nel passato, archiviandolo così tra le cose accadute tempo fa. La seconda domanda del giusto esegeta deve essere: è vero ciò che è stato detto? Riguarda me? E se mi riguarda, in che modo? Di fronte a un testo come quello biblico, il cui ultimo e più profondo autore, secondo la nostra fede, è Dio stesso, la domanda circa il rapporto del passato con il presente fa immancabilmente parte della stessa interpretazione. Con ciò la serietà della ricerca storica non viene diminuita, ma aumentata.


http://www.tusfiles.net/1wrjcwhk3ees

Password: nick2nick

Registrati o effettua il login per visualizzare questo contenuto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

jbdnc.jpg

Papa Francesco (Jorge Mario Bergoglio)

Dio nella città

2013 | EPUB | 1.3 MB

"Dio vive già nella nostra città e ci spinge a uscire incontro a lui per scoprirlo, per costruire relazioni di prossimità, per accompagnarlo nella sua crescita e per incarnare il fermento della sua Parola in opere concrete". Con uno sguardo lucido e colmo di misericordia, Papa Francesco si sofferma sul tema della città, del vivere comune tra le persone. In una società segnata da ingiustizie e squilibri, i cristiani sono chiamati allo stesso sguardo di Dio, testimoniato innanzitutto in Gesù. Uno sguardo che porta ad atteggiamenti di misericordia. "La misericordia – continua il Papa – crea la vicinanza più grande, che è quella dei volti". Perché "la fede vuol vedere per servire e amare, non per constatare o dominare". In queste pagine, nelle quali si respira lo spirito di semplicità e di tenerezza che ha conquistato il mondo intero, Jorge Mario Bergoglio offre ai lettori credenti e non credenti la sua visione dei rapporti umani.


http://www.tusfiles.net/sno3rcod1hyo

Password: nick2nick

Registrati o effettua il login per visualizzare questo contenuto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

qz7y.jpg

Papa Francesco (Jorge Mario Bergoglio)

Evangelii Gaudium

Esortazione apostolica

2013 | True PDF | 0.7 MB

Papa Francesco consegna alla Chiesa e al mondo intero la sua prima Esortazione apostolica. Un documento importantissimo, scritto dal Papa di proprio pugno, dal sapore fortemente programmatico, perché delinea il nuovo volto di Chiesa voluto da Papa Francesco. Una Chiesa povera, vicina alla gente, chiamata a cercare nuove strade e ad uscire da se stessa, per annunciare il Vangelo della misericordia a tutti gli uomini. Un documento di enorme importanza e molto atteso, perché il primo dopo l'enciclica Lumen fidei (alla quale aveva già lavorato papa Benedetto XVI), scritto interamente dal papa, un riassunto della sua visione e del suo pensiero. L'AUTORE Jorge Mario Bergoglio, nato a Buenos Aires (Argentina) nel 1936 da una famiglia di origini italiane, gesuita, è stato Arcivescovo di Buenos Aires per volontà di Giovanni Paolo II. La sera del 13 marzo 2013 è eletto papa al quinto scrutinio ed ha assunto il nome di Francesco, in onore di san Francesco d'Assisi. È inoltre il primo gesuita a diventare pontefice e il primo papa proveniente dal continente americano e dall'emisfero australe.


http://www.tusfiles.net/tepv0td79846

Password: nick2nick

Registrati o effettua il login per visualizzare questo contenuto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

piccolomondovaticano.jpg

Aldo Maria Valli

Piccolo mondo vaticano

2012 | PDF | 130 pagine | 0.7 MB

"All'ingresso di porta Sant'Anna, subito dopo il controllo della gendarmeria, sulla destra, c'è un bancomat dello Ior. Si trova in una nicchia ricavata nel muro e, apparentemente, è come tutti i bancomat di questo mondo. Se però vi avvicinate (e siete in compagnia di chi dispone dell'apposita tessera) scoprite che ha una particolarità. Le istruzioni, oltre che in italiano, francese, tedesco, inglese e spagnolo, sono fornite anche nella lingua dei padri. "Carus expectatusque venisti" dice la videata introduttiva: in pratica, "benvenuto". Dopo di che, ecco l'indicazione operativa: "Inserto scidulam quaeso ut faciundam cognoscas rationem", che sarebbe come dire "inserisci per favore la scheda, per accedere alle operazioni consentite". I latinisti hanno un po' arricciato il naso, perché secondo loro l'adattamento è stato un po' troppo disinvolto, ma bisogna ammettere che non è facile tradurre in una lingua antica concetti moderni. E una volta inserita la scidula che succede? Quattro le opzioni: "deductio ex pecunia" (prelievo), "rationum aexequatio" (saldo), "negotium argentarium" (movimenti) e "retrahe scidulam deposita" (ritirare la tessera). L'unico problema è che se scegliete la prima opzione dopo pochi secondi il bancomat sputerà fuori comunissimi euro e non preziose monete romane d'oro e d'argento". Aldo Maria Valli non lesina dettagli, spiega come si entra in Vaticano, racconta curiosità, stranezze e aneddoti, visita il garage del papa, fa un giro nell'appartamento pontificio...


http://www.tusfiles.net/aij3igcz49sz

Password: nick2nick

Registrati o effettua il login per visualizzare questo contenuto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

nuoviconsiglideldiavolo.jpg

Rino Cammilleri

Nuovi consigli del diavolo custode

Per andare all'inferno senza passare dal via

2007 | PDF | 132 pagine | 0.5 MB

Consigli del diavolo custode, ovvero una lettera dall'inferno, scritta da un'anima dannata e inviata a un destinatario non meglio specificato, cioè a ogni lettore. Si descrive non tanto come si sta da quelle parti ma quanto sia facile andarci. L'autore dimostra come per andare all'inferno non sia necessario fare qualcosa di particolarmente malvagio: basta non fare proprio niente. Il mittente, ormai prigioniero della parte in cui si è calato, non può più fare altro che l'ultimo dispetto, e mischia ambiguità, disordine, verità e menzogna, così come fanno i diavoli. Tanto che alla fine diventa arduo distinguere realtà e illusione. Il tono sarcastico e pungente ne fa una lettura scorrevole, ma anche seria e attuale, in un momento in cui pochi parlano dell'inferno.


http://www.tusfiles.net/i77aaeo1md6n

Password: nick2nick

Registrati o effettua il login per visualizzare questo contenuto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

massimointrovignepretip.jpg

Massimo Introvigne

Preti pedofili

La vergogna, il dolore e la verità sull'attacco a Benedetto XVI

2010 | PDF | 100 pagine | 1.5 MB

Secondo Benedetto XVI la tragedia dei preti pedofili ha fatto più danni alla Chiesa delle grandi persecuzioni, di cui pure la storia è piena. La colpa, anzitutto, è degli stessi preti pedofili, «vergogna e disonore» per la Chiesa secondo le parole del papa. Sulla base della Lettera ai cattolici dell'Irlanda di Benedetto XVI, riprodotta in appendice, e di anni di ricerche sociologiche sul tema, Massimo Introvigne si chiede come una simile sconcertante vicenda sia stata possibile nella Chiesa, e concentra la sua attenzione sulla rivoluzione e la contestazione contro la morale degli anni 1960 all'esterno e all'interno del mondo cattolico. Dalla triste realtà dei preti pedofili Introvigne distingue però l'amplificazione del loro numero attraverso statistiche fasulle, e il sospetto generalizzato ingiustamente gettato sui sacerdoti nel loro insieme, sulla Chiesa e su Benedetto XVI da una lobby laicista, i cui argomenti sono sistematicamente smontati con il rigore del sociologo e la passione del cattolico che si sente vicino a un papa addolorato e calunniato.


http://www.tusfiles.net/6gp8ayybibun

Password: nick2nick

Registrati o effettua il login per visualizzare questo contenuto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ca2006inchiestages.jpg

Corrado Augias, Mauro Pesce

Inchiesta su Gesù

Chi era l'uomo che ha cambiato il mondo

2006 | EPUB + PDF | 1.9 MB

Chi era davvero, nella sua fisicità di carne, sangue, muscoli, l'uomo che circa duemila anni fa percorse la terra d'Israele, parlò alle folle, guarì gli ammalati, lanciò uno straordinario messaggio di speranza e finì straziato sulla croce? Corrado Augias ha dialogato su questo tema con uno dei massimi biblisti italiani, Mauro Pesce, rivolgendogli quelle stesse domande che molti di noi, cristiani e non cristiani, si pongono: sul periodo storico nel quale Gesù visse, sulle sue parole, sulla sua vita, sulla sua morte, sui tanti testi che ne parlano, sulle origini della religione che da lui ha preso il nome, anche se egli non ha mai detto di volerla fondare.


http://www.tusfiles.net/6zk27su9ww46

Password: nick2nick

Registrati o effettua il login per visualizzare questo contenuto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ca2008inchiestacris.jpg

Corrado Augias, Remo Cacitti

Inchiesta sul Cristianesimo

Come si costruisce una religione

2008 | PDF | 2.3 MB

Che cosa è accaduto dopo la morte di Gesù e com'è nata la religione che da lui ha preso il nome? Fino a che punto gli storici, esaminando fatti e testi e prescindendo da ogni considerazione di fede, possono ricostruire gli avvenimenti che hanno trasformato quel profeta umiliato, ucciso su un patibolo romano, nel fondatore di una delle più grandi religioni? Gesù non ha mai detto di voler fondare una Chiesa che portasse il suo nome, né di dover morire per sanare con il suo sangue il peccato di Adamo ed Eva, ristabilendo l'alleanza tra Dio e gli uomini. Non ha mai detto di essere nato da una vergine che lo aveva concepito per intervento di un dio. Da dove viene allora tutto il complesso apparato di norme, cariche, vestimenti, liturgie, formule, che caratterizza la Chiesa che a lui si richiama? Corrado Augias si confronta e dialoga sulla storia del cristianesimo delle origini con lo studioso Remo Cacitti. Una complessa avventura umana che ha il suo punto di svolta nella figura dell'imperatore Costantino, il primo a trasformare il cristianesimo in uno strumento di potere, opera che sarà poi completata, al termine del IV secolo, da un altro imperatore, Teodosio, che lo renderà religione imperiale. Grazie a questa documentata ricostruzione si giunge a comprendere perché la fede cristiana, che inizialmente era soltanto una corrente minoritaria del giudaismo, sia riuscita a sopravvivere per oltre venti secoli e a imporsi come una delle religioni più diffuse sull'intero pianeta.


http://www.tusfiles.net/ttcoeiocd7zl

Password: nick2nick

Registrati o effettua il login per visualizzare questo contenuto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ca2009disputadio.jpg

Corrado Augias, Vito Mancuso

Disputa su Dio e dintorni

2009 | EPUB + PDF | 2.4 MB

In queste pagine il non credente Corrado Augias e il credente Vito Mancuso si sfidano in una sorta di disputa d'altri tempi. Si parla di Dio, ma anche della vita; più precisamente la vita di ogni giorno, con gli interrogativi etici ed esistenziali ai quali tutti siamo chiamati a rispondere. Si parla delle forme di potere connesse all'attività spirituale, che dovrebbe invece esserne scevra. Dell'amore, cioè di quanto nel cristianesimo sia rimasto di un amore inteso come relazione armoniosa nella sua assolutezza, succo del messaggio di Gesù. E della morte: gli esseri umani hanno il diritto di sentirsi padroni della propria morte e decidere, se afflitti da un intollerabile dolore senza rimedio, di porre fine ai propri giorni?


http://www.tusfiles.net/73b8cj3ynlsv

Password: nick2nick

Registrati o effettua il login per visualizzare questo contenuto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ca2010segretivaticano.jpg

Corrado Augias

I segreti del Vaticano

Storie, luoghi, personaggi di un potere millenario

2010 | PDF | 1.5 MB

Il termine "Vaticano" evoca immediatamente l'immagine dell'immensa piazza antistante la basilica di San Pietro e il monumentale colonnato che l'abbraccia. Tra i fedeli cattolici evoca anche la finestra da cui il papa benedice la folla festante. Ma il Vaticano è molto di più. Stato di diritto tra i più piccoli al mondo, minuscola città dentro la vasta città di Roma, di cui ha condiviso le vicissitudini e di cui costituisce "l'altra faccia", ha una lunghissima storia, ricca di chiaroscuri e di personaggi più o meno limpidi. E insieme a incredibili tesori artistici, custodisce nei suoi palazzi molti segreti legati a vicende antiche, recenti e contemporanee. Si inizia con Nerone e i primi cristiani sullo sfondo della Roma imperiale per passare poi a Costantino: la sua famosa e apocrifa donazione al papa ha per secoli rappresentato l'atto di nascita del potere temporale della Chiesa. La galleria dei personaggi è ricchissima. Oltre a templari, gesuiti, inquisitori e membri della potente Opus Dei, ci sono, naturalmente, i papi. E con loro gli artisti, ingaggiati per testimoniare, più che la gloria del Creatore, quella del committente. Un tratto sembra legare, agli occhi dell'autore, tutte queste vicende, le più antiche e le più recenti: la commistione fra cielo e terra, fra spiritualità e potere temporale, e il prezzo altissimo che la Chiesa cattolica, unica religione fattasi Stato, ha pagato e paga nel tentativo di conciliare due realtà difficilmente compatibili.


http://www.tusfiles.net/cd9thwyptgmq

Password: nick2nick

Registrati o effettua il login per visualizzare questo contenuto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

gru1teologia.jpg

Giuseppe Ruggieri

Prima lezione di teologia

2011 | PDF | 0.4 MB

"La teologia, come viene qui intesa, è semplicemente il 'discorso su Dio' che gli uomini non riescono a evitare, la cui presenza si riscontra quindi in tutte le culture umane. Tutti gli uomini sono 'teologi', parlano cioè di Dio sia affermandolo e pregandolo, ma anche negandolo o dubitando di lui. Ma questo discorso su Dio nella storia degli uomini tutti ha suscitato anche dei discorsi che hanno la caratteristica di essere funzionali, secondari. Nella storia dell'Occidente (ma non solo in essa) al discorso su Dio che si ritrova nel linguaggio comune si è infatti aggiunto un discorso sul discorso che ha avuto sempre una duplice motivazione: la prima, piuttosto critica e negativa, che rende attenti a non trasferire in Dio i sentimenti dell'uomo che spesso sono discutibili e pericolosi; la seconda (che è poi il risvolto della prima), piuttosto positiva, che tende a dare rigore al discorso a partire da ciò che è specifico di Dio in qualunque modo lo si concepisca. E anche questo discorso sul discorso su Dio si chiama teologia": Giuseppe Ruggieri introduce alla disciplina che studia Dio, prendendo in esame l'esperienza religiosa cristiana nella sua dimensione dottrinale e di riflessione intellettuale.


http://www.tusfiles.net/97jlih2vdmva

Password: nick2nick

Registrati o effettua il login per visualizzare questo contenuto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

hjognosticismo.jpg

Hans Jonas

Lo Gnosticismo

1972 | EPUB | 0.5 MB

Lo gnosticismo che si diffuse in Oriente e in Occidente dopo la venuta di Cristo, fu il primo tentativo di costituire un sistema filosofico del cristianesimo. Il presupposto dei gruppi che seguirono questo indirizzo fu che la salvezza potesse essere ottenuta solo attraverso la "conoscenza". Fenomeno misterioso, affascinante e complesso lo gnosticismo si diffuse soprattutto in Oriente, nel periodo ricco di fermenti attorno alla nascita di Cristo. Influssi iranici, suggestioni neoplatoniche, misticismo messianico di origine ebraica e, in ultimo, componenti cristiane confluirono per dare vita, più che a una religione, a un proliferare di innumerevoli dottrine e sette. In questo studio, considerato ormai classico, l'Autore mette in luce i fondamenti dottrinari dello gnosticismo, esaminando le caratteristiche delle varie sette che ne derivano e analizzandone le teorie e gli sviluppi successivi.Un'ampia presentazione, una postfazione e una aggiornatissima bibliografia consentono di fare il punto sulle più avanzate conoscenze in materia.


http://www.tusfiles.net/zie9cosgdpqf

Password: nick2nick

Registrati o effettua il login per visualizzare questo contenuto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

pchneresia.jpg

Philippe Chenaux

L'ultima eresia

La chiesa cattolica e il comunismo in Europa da Lenin a Giovanni Paolo II

2011 | PDF | 1.2 MB

Il volume muove da un'idea che è quasi una provocazione: il comunismo come ultima eresia del cristianesimo. Basandosi su una documentazione in gran parte inedita, Chenaux ricostruisce la storia dei rapporti, a dir poco tormentati e conflittuali, tra la Chiesa cattolica e il comunismo in Europa, dalla rivoluzione d'Ottobre alla caduta del Muro di Berlino. Cronologicamente il volume rispecchia i tre grandi periodi in cui può suddividersi la storia politica e religiosa dell'Europa del XX secolo: la "guerra civile europea", durante la quale la Chiesa si trova di fronte all'impossibile dilemma di dover scegliere tra comunismo e nazismo; la guerra fredda, durante la quale, nella sua battaglia contro il totalitarismo sovietico, la Chiesa di Pio XII è identificata, suo malgrado, con l'Occidente; gli anni del disgelo e della distensione, quando la Chiesa sceglie la via del dialogo con i paesi dell'Est, per contribuire, infine, al crollo del sistema.


http://www.tusfiles.net/m036srwhxlr5

Password: nick2nick

Registrati o effettua il login per visualizzare questo contenuto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

rgrviolenza.jpg

René Girard

La violenza e il sacro

1992 | PDF | 1.2 MB

«È criminale uccidere la vittima perché essa è sacra ... ma la vittima non sarebbe sacra se non la si uccidesse». Questo terribile, paralizzante circolo vizioso si incontra subito, quando si esamina la realtà del sacrificio. Di fronte a esso l'ambivalenza tanto frequentemente evocata dal pensiero moderno ha l'aria di un pio eufemismo, che malamente cela il segreto non già di una pratica estinta, ma di un fenomeno che ossessiona il nostro mondo: la violenza – e il suo oscuro, inscindibile legame con il sacro. Nesso tanto più stretto proprio là dove, come nella società attuale, si pretende di conoscere il sacro soltanto attraverso i libri di etnologia: del sacro si può dire infatti, osserva Girard, che esso è innanzitutto «ciò che domina l'uomo tanto più agevolmente quanto più l'uomo si crede capace di dominarlo». Che cosa lega, che cosa tiene insieme una società? Il «linciaggio fondatore», l'ombra del capro espiatorio, risponde Girard – e la brutalità della risposta è proporzionale alla lucidità, alla sottigliezza, all'acutezza delle analisi che a tale conclusione portano. Si tratti della tragedia greca o di riti polinesiani, di Frazer o di Freud, di fenomeni del nostro mondo o di grandi figure romanzesche, sempre Girard riesce a mostrarceli nella luce di quell'evento primordiale, sempre taciuto, sempre ripetuto, in cui la società trova la sua origine, rinchiudendosi nel circolo vizioso fra sacro e violenza. In questo libro, che apparve in Francia nel 1972, molti ormai hanno riconosciuto il fondamento di un'opera di pensiero fra le più rilevanti del nostro tempo. Con gesto drastico, Girard è sfuggito a quelle disparate neutralizzazioni del religioso a cui l'antropologia, da decenni, ci ha abituato – anzi ha individuato in questo delicato escamotage scientista «una espulsione e consumazione rituale del religioso stesso, trattato come capro espiatorio di ogni pensiero umano». Il mana, il sacrum, il pharmakon, queste parole dal potere contagioso, cariche di ambiguità e di significati contraddittori, tornano qui al centro della riflessione, come sono di fatto al centro della vita. Ma, proprio perché, come ha osservato Girard, «la semplicità e la chiarezza non sono di moda», e proprio perché tali parole sono per eccellenza complesse e oscure, l'indagine che qui viene proposta ha un'evidenza, una nettezza, una precisione che si impongono sin dalle prime righe. E alla fine ci troveremo faccia a faccia con una constatazione bruciante sulla realtà che ci circonda: «La tendenza a cancellare il sacro, a eliminarlo interamente, prepara il ritorno surrettizio del sacro, in forma non più trascendente bensì immanente, nella forma della violenza e del sapere della violenza».


http://www.tusfiles.net/sfnd0pa7z4gt

Password: nick2nick

Registrati o effettua il login per visualizzare questo contenuto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

rgrempi.jpg

René Girard

L'antica via degli empi

1994 | PDF | 0.4 MB

A chiunque si chieda che cos'è il male è utile mettere subito in mano il Libro di Giobbe. Il male di cui esso parla assume tutte le forme – e anzitutto quella della malattia e della morte. Ma è anche il male che gli uomini commettono, spesso nella convinzione di operare il bene: e forse è proprio di questo male che Giobbe parla. La persecuzione, la vittima, il processo: tutto ciò sarebbe dunque al centro del Libro di Giobbe. Ed è anche al centro, sin da La violenza e il sacro, dell'opera di Girard. Non solo: quel centro non è uno dei tanti possibili, ma il centro necessario, ineludibile di ogni pensiero. Esso coincide con una figura: il capro espiatorio, e Giobbe sarebbe appunto il capro espiatorio che più si avvicina alla propria verità. Sotto questo profilo, è illuminante osservarlo sempre in contrappunto a un altro capro espiatorio: Edipo. Ma occorre anche mettere Giobbe in rapporto con fatti dei quali i moderni detengono il triste privilegio, come i processi totalitari. Che altro sono, infatti, i Dialoghi fra Giobbe e coloro che si presentano come suoi «amici» se non il modello di ogni processo in cui l'imputato è già condannato in partenza? Incontrando Giobbe, Girard ha trovato la figura più vicina al cuore di tutto ciò che è andato scrivendo. Il suo pensiero sembra allora addensarsi al massimo – e al tempo stesso cercare formulazioni di una chiarezza ultima, indubitabile. «Ci sono due verità in senso relativo, nel senso del “relativismo” e del “prospettivismo”, ma c'è una sola verità in rapporto alla conoscenza, ed è la verità della vittima». E alla verità della vittima è dedicata L'antica via degli empi. Questo libro è apparso per la prima volta nel 1985.


http://www.tusfiles.net/oe5t46oq2ypt

Password: nick2nick

Registrati o effettua il login per visualizzare questo contenuto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

rgrnascoste.jpg

René Girard

Delle cose nascoste sin dalla fondazione del mondo

1996 | PDF | 1.5 MB

«Perché la credenza nel sacro? Perché ovunque riti e divieti, perché non vi è stato un ordine sociale, prima del nostro, che non appaia dominato da un'entità soprannaturale?». Girard, già con il suo memorabile saggio del 1972, La violenza e il sacro, aveva posto alcune di quelle domande ultime che l'antropologia ormai tende sempre più a celare in opaco involucro. Ma con questo libro, che apparve nel 1978 provocando subito grande clamore, egli si è spinto sino alle cose ultime, quelle che, secondo la parola del Vangelo di Matteo, «sono nascoste sin dalla fondazione del mondo». E queste cose, come la «lettera rubata» di Poe, sono così nascoste proprio perché stanno dinanzi ai nostri occhi: nella Bibbia e nel Vangelo. Dopo aver indagato a lungo i testi dell'antichità classica e i più disparati materiali etnologici, Girard ha riconosciuto che il testo più difficile da leggere, per il sovrapporsi di innumerevoli letture precedenti, era appunto quello delle Scritture: l'eccessiva familiarità si svela essere innanzitutto il modo che il mondo ha scelto per difendersi da alcune verità tremende, quali in esse si annunciano. Rovesciando ancora una volta le prospettive, Girard legge i Vangeli non più come una storia sacrificale, ma come la storia che dice la verità nascosta del sacrificio, che svela la costituzione del «meccanismo vittimario», del capro espiatorio, del linciaggio fondatore. Questa rivelazione sarebbe allora il più possente gesto antisacrificale di ogni tempo – e tutta la storia occidentale nascerebbe dal ripercuotersi nei secoli di quel gesto. Con ammirevole passione intellettuale, Girard vuole tornare a mostrare che la radice unica della cultura sta proprio nel religioso, e che quell'ambigua parola è la pietra che l'Occidente tenta, da secoli, di gettare via.


http://www.tusfiles.net/t5ukdi2pymv4

Password: nick2nick

Registrati o effettua il login per visualizzare questo contenuto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

rgrcaproespiatorio.jpg

René Girard

Il capro espiatorio

1999 | PDF | 0.8 MB

Dice Heidegger che ogni vero pensatore pensa un solo pensiero: nel caso di René Girard è quello del «capro espiatorio». In questo saggio, apparso nel 1982, egli prende per mano il lettore e, passo per passo, illumina in modo definitivo quel meccanismo della persecuzione e del sacrificio a cui già aveva dedicato La violenza e il sacro e Delle cose nascoste sin dalla fondazione del mondo. Girard è sempre stato chiarissimo, ma forse mai lo è stato come nel Capro espiatorio – ed è impossibile sottrarsi alla luce cruda e netta che viene gettata su alcuni temi che per forza ci riguardano tutti. In particolare, colpiranno per la loro radicale novità le interpretazioni di parabole ed episodi dei Vangeli, si tratti di Salomè e del rinnegamento di Pietro o dei demoni di Gerasa. Vediamo qui compiersi quell'oscillazione decisiva per cui la vittima sacrificale non consente più alla colpa che le viene attribuita, ma diventa l'innocente che come tale si rivendica: così il capro espiatorio si trasforma nell'agnello di Dio. Tale irreversibile modifica, tuttavia, non arresterà la persecuzione, che potrà anzi assumere dimensioni inaudite, come testimonia tutta la storia moderna e contemporanea; al tempo stesso, crescerà ora il senso della vergogna. Qualcosa si è spezzato per sempre nel ciclo della violenza. «Quando verrà il Paracleto, disse Gesù, mi renderà testimonianza, rivelerà il senso della mia morte innocente e di ogni morte innocente, dall'inizio sino alla fine del mondo».


http://www.tusfiles.net/p02m2yy638c1

Password: nick2nick

Registrati o effettua il login per visualizzare questo contenuto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

rgrrisentimentoq.jpg

René Girard

Il risentimento

Lo scacco del desiderio nell'uomo contemporaneo

1999 | PDF | 0.4 MB

L'autore affronta in questo libro temi sociologici e antropologici oggi molto attuali: il dilagare dell'anoressia e dei disordini alimentari, l'angoscia della solitudine, l'invidia, e in particolare il risentimento, la necessità umana di fondare l'ordine sociale, le apparenze culturali e religiose attraverso l'esclusione di capri espiatori. Secondo l'autore, l'uomo agisce sempre desiderando di essere un altro, che è ad un tempo modello e rivale: ecco il fuoco dell'invidia e del risentimento, ecco le prime micce della violenza e dell'esclusione. Girard mette in luce lo specifico delle interazioni sociali della società contemporanea e ne mostra le forme perverse e spesso esasperate.


http://www.tusfiles.net/k88zg9dxvd67

Password: nick2nick

Registrati o effettua il login per visualizzare questo contenuto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

rgrfolgore.jpg

René Girard

Vedo Satana cadere come la folgore

2001 | PDF | 0.6 MB

In ciascuno dei suoi libri Girard si sforza di stringere più da vicino l'essenziale. E ci riesce. Sono trascorsi oltre vent'anni dalla pubblicazione di La violenza e il sacro, e l'essenziale per lui è stato sempre un pensiero: il meccanismo del capro espiatorio. Pensiero che ha una prodigiosa capacità di espansione e investe tutti i piani della vita. Nelle sue opere più recenti, Girard ha cercato di mettere a fuoco, con una precisione che si è fatta via via più acuminata, tale meccanismo, nel tentativo costante di gettar luce su un punto cruciale: l'unicità della rivelazione cristiana, il perché del suo opporsi a tutte le precedenti credenze religiose. E, in particolare, la sua opposizione radicale a ogni forma di sapere trasmesso dalla mitologia. Sfida quanto mai ardua, che Girard accetta fino in fondo: «Il carattere irriducibile della differenza giudaico-cristiana può essere dimostrato. Tale dimostrazione è il cuore di questo libro». Cristo non è, per Girard, uno dei vari dèi mediterranei di morte e di rinascita, come Dioniso o Osiride. È l'annunciatore di una verità che spezza dall'interno l'ordine del mito e la dinamica persecutoria che gli è indissolubilmente legata. È il sapere della vittima che finalmente trova voce. Mai Girard aveva argomentato questa «irriducibile differenza», che è il perno attorno a cui ruota tutto il suo pensiero, con altrettanta chiarezza e lucidità. Vedo Satana cadere come la folgore è apparso per la prima volta nel 1999.


http://www.tusfiles.net/obdsm1461uvg

Password: nick2nick

Registrati o effettua il login per visualizzare questo contenuto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

rgrgvtfede.jpg

René Girard, Gianni Vattimo

Verità o fede debole?

Dialogo su cristianesimo e relativismo

2006 | PDF | 0.3 MB

Il ruolo della religione cristiana nel mondo globalizzato e multiculturale, il suo rapporto con la morale, il complesso e delicato confronto tra verità e libertà e tra relativismo e fede, i pericoli e le tensioni di un mondo dove sembrano riaffacciarsi nuove forme di violenza di matrice religiosa. Attorno a questi temi si sta articolando, ormai da qualche anno, anche il dialogo fra due dei più grandi pensatori viventi: l'antropologo francese René Girard e il filosofo italiano Gianni Vattimo, dialogo che sta contribuendo vivacemente alla costruzione di una nuova comprensione di problemi al centro del nostro interesse più profondo. Partendo da presupposti speculativi differenti (l'antropologia cristiana di Girard, e la filosofia heideggeriana di Vattimo), le risposte dei due pensatori sono non di rado contrapposte, ma rimandano anche alla condivisione di alcuni valori, e a un comune atteggiamento di dialogo.


http://www.tusfiles.net/z91a1bbs5154

Password: nick2nick

Registrati o effettua il login per visualizzare questo contenuto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

gvtmcredere.jpg

Gianni Vattimo

Credere di credere

1998 | EPUB + PDF | 0.3 MB

Il “ritorno di Dio” sembra caratterizzare la cultura e la mentalità contemporanee. Ma oggi quale può essere il senso dell'esperienza religiosa? La risposta di Gianni Vattimo è il frutto della sua riflessione filosofica nell'orizzonte post-metafisico, che lo porta a leggere nell'incarnazione di Cristo la secolarizzazione del principio divino e nell'”ontologia debole” la trascrizione del messaggio cristiano. Ma questa proposta – anzi riproposta della dimensione religiosa è anche profondamente radicata nell'esperienza personale: perché, argomenta Vattimo, è impossibile produrre discorsi religiosi senza assumersi il rischio di un impegno diretto.


http://www.tusfiles.net/i07idlutz8fx

Password: nick2nick

Registrati o effettua il login per visualizzare questo contenuto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

wzrw.jpg

Vito Mancuso

La vita autentica

2009 | EPUB + PDF | 0.5 MB

In una celebre pagina di Shakespeare, Antonio, di fronte al cadavere di Bruto suicidatosi poco prima, esclama: "Questo era un uomo!". Ma che cosa fa di qualcuno "un uomo", qual è la caratteristica che, persino di fronte a un nemico mortale, ci fa sentire in presenza di un "vero uomo"? Per Vito Mancuso, tutto dipende dalla libertà. La vera libertà però è interiore, perché ciò che impedisce alla nostra vita di essere autentica sono le menzogne che diciamo a noi stessi, all'origine di quelle che diciamo agli altri. È la libertà da sé stessi a rendere la vita davvero libera e dunque autentica. Ma come si diventa liberi da sé stessi? E vale la pena perseguire una vita autentica in un mondo basato sulla finzione? Rispondendo a tali interrogativi, questo saggio sulla libertà sorprenderà anche per la passione e la chiarezza con cui è scritto.


http://www.tusfiles.net/fgczgz12mvj6

Password: nick2nick

Registrati o effettua il login per visualizzare questo contenuto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti